Italo Cassa

Capitan Gioia


Italo Cassa

Mostra fotografica Hope & Joy – Categoria Syria 2013

Dopo il viaggio nel 2012 in Siria con il nostro JoyBus compii un successivo viaggio, questa volta in aereo, in Libano, insieme a Fabio Larena dell’associazione Mameli 7. Andammo ospiti del Padre melchita Abdo Raad, nel suo monastero sul Monte del Libano. Poi con loro andai in macchina fino a Wadi Khaled al confine con la Siria, portando giochi e palloncini.

Era mia intenzione però riuscire ad entrare nel territorio siriano in guerra, per portare un forte messaggio di pace, attraverso la gioia dell’arte.
A Novembre 2013 questo fu possibile grazie alla collaborazione con l’associazione Time4Life che aveva in corso attività al campo di Bab al Salam e in alcune scuole nell’interno.
Il viaggio era in aereo fino in Turchia e poi da li saremmo dovuti entrare in Siria attraversando a piedi il passaggio frontaliero della Turchia, con più volte il controllo dei documenti.
Andò tutto bene e, sbrigate tutte le complesse pratiche burocratiche, eravamo in territorio siriano, noi in entrata, mentre tantissimi siriani erano in uscita verso la Turchia. Nel passaggio a piedi si sentivano spari nelle vicinanze, erano in atto scontri tra le forze qaediste (L’ISIS non era ancora così forte come poi diventò da li a breve) e i combattenti della Syrian Free Army.
Giunti dall’altra parte la situazione era veramente difficile, nel campo di Bab al Salam si operava in estrema precarietà e anche fare palloncini era un’operazione non facile.
Dal confine siamo andati con un furgone fino ad Huraitan dov’erano le scuole adottate dall’associazione, si trovavano sotto terra per riparare gli studenti, per quanto possibile, dalle bombe che spesso piovevano dal cielo.
Alla scuola realizzai la rappresentazione con i burattini della mia favola “La principessa Lucia e il pesciolino rosso” per parlare di pace e di amore, in un luogo dove questi erano quanto mai distanti.
Il giorno dopo invece, al campo di Bab al Salam, feci tanti palloncini con i bambini che si tappavano le orecchie per paura di un loro possibile scoppio che gli avrebbe fatto risalire il trauma dello scoppio delle bombe.
Queste che seguono sono le foto di quella missione.

Guarda dove sarà esposta prossimamente la mostra fotografica “Hope & Joy – Speranza & Gioia” su questa pagina: www.italocassa.it/mostra-foto/

Bambini siriani al campo di Bab al Salam (Syria)

Bambini siriani al campo di Bab al Salam (Syria)

Famiglia siriana al campo di Bab al Salam (Syria)

Bambini siriani al campo di Bab al Salam (Syria)

Bambini siriani al campo di Bab al Salam (Syria)

Bambini siriani al campo di Bab al Salam (Syria)

Bambini siriani al campo di Bab al Salam (Syria)

Io e Cristina Paganini mentre rappresentiamo con i burattini la favola “La principessa Lucia e il pesciolino rosso” alle scuole di Huraitan (Syria)

Bambine siriane alle scuole di Huraitan (Syria)

Bambini siriani alle scuole di Huraitan (Syria)

Share

Share opinions

You may use these HTML tags and attributes to empatize your opinion:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>